Come realizzare una brochure di successo per una linea di cosmetici

Come realizzare una brochure di successo per una linea di cosmetici 900 900 admin

Nell’era del marketing online, realizzare supporti cartacei e tangibili sembra antiquato. Immagina di essere in un sabato pomeriggio, il centro è pieno di persone in giro a passeggiare che si trovano nei pressi della tua attività: la migliore pubblicità su internet non permetterà di raggiungere queste persone che hanno lasciato il computer e i social spenti. Ecco perché la brochure rappresenta ancora oggi un valido strumento di marketing: raggiunge il mondo offline efficacemente, spesso prima di ogni altro strumento disponibile sul web.
Una brochure realizzata a regola d’arte permette di raggiungere i clienti locali, di presentare i prodotti migliori e trasmettere un messaggio che l’azienda vuole comunicare. Non dimentichiamo poi, che non tutti sono avvezzi alle nuove tecnologie, per esempio le persone anziane, chi non ama stare al pc o al telefono tutto il giorno, o li usano solo per lavoro; quindi, saranno più piacevolmente colpiti da una brochure che possono portare con sé piuttosto che un’immagine proiettata in vetrina.
Anche i brand di cosmetica più prestigiosi hanno ancora bisogno di strumenti cartacei da utilizzare nei punti vendita, o da accompagnare alle vendite o semplicemente da lasciare come approfondimento ai clienti per un corretto utilizzo dei prodotti. Certamente si tratta di strumenti di comunicazione che si troveranno anche on line, nelle schede tecniche dei prodotti venduti direttamente negli ecommerce, ma la brochure cartacea, o il catalogo cartaceo è ancora molto utilizzato.
Lo stesso vale anche per il B2B. Un catalogo di linea cosmetica completo è ancora uno degli strumenti di comunicazione principale per mostrare l’insieme della collezione o della linea, per mostrare la sua brand identity, il suo linguaggio comunicativo, il suo stile. Certamente l’on line è da privilegiare perché raggiungibile immediatamente da tutti, ma la comunicazione cartacea è ancora molto utilizzata e per un’azienda cosmetica progettare il proprio catalogo generale o la brochure o folder di una linea è sempre una bella sfida a livello comunicativo. Un esempio è questo.
Creare un dépliant di successo è sicuramente importante, ma realizzarlo male può essere un cattivo biglietto da visita per il tuo brand allontanando potenziali acquirenti. Scopriamo nei seguenti paragrafi le cose più importanti da sapere.

Procedimenti per realizzare una brochure

Realizzare una buona brochure richiede esperienza per saper dosare il giusto equilibrio tra immagini e testo.
Anche le dimensioni da scegliere sono importanti: un volantino troppo grande verrà difficilmente accettato, mentre uno troppo piccolo rischia di passare inosservato. Non è affatto semplice e affidarsi a uno studio di grafica pubblicitaria può rappresentare una valida soluzione.
Noi dell’Agenzia di Comunicazione Studio Concept realizziamo grafiche pubblicitarie per la tua azienda cosmetica volte a incrementare le vendite della tua attività e comunicare al meglio il tuo stile e la tua collezione di cosmetici. Vantiamo di una grande esperienza nel settore e abbiamo qualche dritta da darti per realizzare una brochure o un catalogo perfetti.
Come si fa una brochure o un catalogo? Innanzitutto, devi considerare che questo è uno degli strumenti di marketing a disposizione per la tua azienda. Attraverso l’utilizzo di strumenti e immagini, la brochure comunica un messaggio semplice e d’impatto, ecco perché prima di realizzarne una, bisogna aver ben chiaro l’obbiettivo che si vuole ottenere.
Concentrarsi sul cliente potenziale è la prima cosa: pensare al target di riferimento, cosa vuoi comunicargli e con quali modalità. A seconda delle fasce d’età, il messaggio è più efficace se espresso nelle modalità ad esse congeniali. Resta fondamentale la coerenza dell’immagine della linea che si realizza attraverso un processo creativo originale che deve essere sempre all’origine di ogni progetto di catalogo.
Se la linea di cosmetici ha già una sua chiara e definita brand identity con un suo linguaggio visivo chiaro e codificato la realizzazione del catalogo generale dei prodotti o di una brochure di linea risulta più facilitata perché si tratta di un avanzamento di creatività, una sua declinazione specifica. Se invece la linea cosmetica non ha ancora una sua identità visiva, il lavoro della nostra agenzia di comunicazione sarà prima di tutto definire la creatività base della comunicazione coerente con la tipologia di prodotto e di target. Questa definizione di stile e di identità del brand passa anche attraverso la costruzione di uno storytelling accattivante e di forte identità. Il catalogo dovrà tradurre in elementi visivi e testuali proprio questo stile e racconto.
Vediamo nei prossimi paragrafi 6 punti fondamentali per ottenere una brochure di successo.

1- Immagini di qualità per la tua brochure

La prima impressione è quella che conta davvero: la brochure deve avere impatto fin da subito per invogliare il potenziale cliente a continuare la lettura. Le immagini che decidi di stamparci sopra devono essere nitide e di qualità. Immagini sgranate o sfocate danno un senso immediato di lavoro scadente e non rappresentano un buon biglietto da visita, inoltre le immagini presentate in brochure devono essere consone alla tua azienda: se per motivi di budget selezioni immagini stock, scegli le più pertinenti e rappresentative, in modo da rendere la brochure bella, accattivante, che invogli il cliente a tenersela e portarla con sé per consultarla in seguito.
Un discorso particolare è per le foto di prodotto o still life di prodotto cosmetico che devono seguire determinate caratteristiche e che la nostra agenzia di comunicazione Studio Concept realizza internamente grazie ai nostri set fotografici dedicati e ad un servizio di post-produzione avanzate in grado di rendere al meglio il prodotto fotografato. Scopri qui alcuni esempi di still life di prodotto cosmetico e qui esempi di direzione artistica e catalogo con shooting con modelli.

2- Font leggibili con ottimo contrasto

La scelta del font è un altro aspetto importante da tener presente. Anche questo deve rispecchiare il tono dell’azienda.
Evita di scrivere troppe informazioni sulla brochure: preferisci testi brevi, semplici e lineari con pochi caratteri, sempre accompagnati da immagini che riprendono il senso del testo. Quest’ultimo deve essere letto in pochi secondi, non deve annoiare e deve raccontare chiaramente cosa la brochure vuole dire.
Il testo in brochure è importante e va scritto bene, posizionato in modo studiato e coerente.
Non usare font troppo artistici o arzigogolati e preferisci quelli più semplici e minimal, poiché sono sempre quelli che funzionano meglio e la ricerca della stravaganza con l’unico scopo di colpire i clienti ha scarso successo.
Lo stesso discorso è applicabile ai colori scelti: seleziona quelli naturali, unisci diverse sfumature dello stesso colore o crea piacevoli contrasti, senza eccedere con la quantità di colore scelto, quando questa non rappresenta la tua azienda.
Evita tonalità troppo forti e preferisci quelli pastello. Se sei indeciso su quali colori inserire, consultare un servizio di grafica come il nostro o guardare cosa usano i competitor di successo è una buona scelta. Ma tutto questo però è molto variabile: affidati quindi ad un’agenzia di comunicazione che ti può accompagnare in tutto questo processo creativo e produttivo.

3- Scrittura dei testi o copywriting

La scrittura dei testi in un catalogo è fondamentale. Non sottovalutare che una scrittura realizzata da un copy esperto è in grado di esprimere al meglio i valori della tua collezione e di comunicare il corretto storytelling che è alla base di ogni linea cosmetica o di ogni lancio di nuovi cosmetici.
Investire nella scrittura dei testi per un prodotto cosmetico ti permetterà di avere anche molto materiale testuale da mettere on line sul tuo sito o sul tuo ecommerce e che sarà la base di un lavoro SEO che permetterà al tuo sito di essere indicizzato correttamente secondo le parole chiavi specifiche legate al tuo brand. La nostra agenzia di comunicazione specializzata nel settore beauty e cosmetico si avvale internamente di copywriter specializzati in grado di accompagnare il processo di produzione testuale e offrirti un servizio completo per la realizzazione del tuo catalogo o della tua comunicazione visiva: creatività, fotografie di prodotto, fotografie di modelle, grafica, scrittura dei testi, impaginato pronto per la stampa o per il web.

4- Materiali di realizzazione

Quando un potenziale acquirente decide di raccogliere la tua brochure, sono due i sensi coinvolti: la vista, ovviamente, con il messaggio visivo che abbiamo scelto di mandargli, e il tatto. Molti trascurano il secondo aspetto, ma anche questo partecipa al successo di un dépliant: il tatto rende al cervello sensazioni piacevoli o spiacevoli in base al materiale che utilizzi. Un buon supporto cartaceo, di qualità, è la prima scelta da fare: evita cartoncini sottili o poco piacevoli. Utilizza materiali diversi per stimolare maggiormente questo senso e attira l’attenzione dell’acquirente. Una brochure solida trasmette un senso di fiducia verso l’azienda che si sta promuovendo.
Per quanto riguarda la rilegatura ecco le opzioni più comuni:

  • la brossura è piacevole e rende un senso di solidità: essa prevede che le pagine vengano rilegate e ancorate tra loro e la copertina tramite un collante in poliuretano. Il rapporto qualità-prezzo è inimitabile;
  • il filo refe prevede la cucitura delle pagine tra di esse con uno speciale filo, che dona solidità e durevolezza alla brochure, molto utile per quelle più consistenti;
  • la spirale metallica è uno dei metodi più classici di rilegatura, molto economica con un effetto di stile ed eleganza.

5- Semplificare il contenuto del messaggio

Less is more. Il famoso detto incontra ampia approvazione in materia di marketing. In un mercato ampio è facile avere più competitor per i tuoi prodotti: evidenziare cosa rende il tuo migliore degli altri è il messaggio più importante da dare. Avendo bene in mente il target di riferimento e quello che puoi offrirgli tu, tra decine di prodotti uguali, è tutto ciò che serve sapere. Arriva subito al dunque, evita giri di parole. Spesso una frase molto bene e incisiva cattura più l’attenzione di un testo dettagliato che elogia un prodotto. Crea un motto semplice, vai sul sicuro e non cimentarti in esercizi di stile, spesso poco efficaci.

6- Formato della brochure

Le dimensioni di una brochure contano molto. Una volta stabilite, magari facendoti aiutare da uno studio come conceptsnc.com, scegli il suo formato. Puoi optare per diversi tipi, come quello quadrato, rettangolare, pieghevole a due o più pagine.
Il formato a 3 pagine pieghevoli, dalla forma rettangolare è quello solitamente più diffuso ed efficace, tuttavia non è adatto a tutti, e dipende dallo scopo della tua brochure: se vuoi crearne una onnicomprensiva della tua storia e dei prodotti che offri, tre pagine saranno poche. In ogni caso non eccedere e comunica solo brevi informazioni essenziali. Con tre pagine è facile seguire una tavolozza unica di colori, che aprendo la brochure prosegue e completa un disegno di sfondo generale e ben studiato.
Se scegli un dépliant pieghevole, stabilisci una parte da rendere principale, dove è contenuto il messaggio più importante: il resto del testo fornirà informazioni di contatto.
Aggiungere una cornice alle immagini oppure ai testi rende l’effetto finale più organizzato e piacevole, e può guidare l’attenzione del lettore nei punti che vuoi enfatizzare. Non dimenticare di dedicare una sezione ai contatti, magari sul retro della brochure, in modo da permettere all’acquirente di contattarti in seguito o consultare il tuo sito web o i social media.
Il progetto di un catalogo generale di prodotti cosmetici è un lavoro ancora più complesso e qui l’elemento creativo sarà fondamentale. Non fare da solo. Investi in comunicazione e fai i passi giusti nel lancio della tua linea o nel restyling dell’immagine della tua linea attuale.
Guarda i nostri lavori e contattaci.